INTEGRAZIONE ALUNNI PORTATORI DI HANDICAP

Un aspetto educativo e didattico che il nostro Istituto privilegia in modo particolare è  quello del sostegno agli alunni portatori di handicap. La Commissione preposta a garantire e favorire l’integrazione a scuola degli alunni portatori di  Handicap, ha predisposto un progetto che prevede anche l’allestimento di un Laboratorio di abilitazione e di riabilitazione, dove per abilitazione s’intende il possesso dei requisiti necessari allo svolgimento di determinate attività e per riabilitazione il rendere capace di svolgere determinate attività lavorative a chi non ha  o ha perduto la normale capacità di lavorare.

L’integrazione  deve essere globale e può essere effettuata attraverso tre canali di recupero:

  • recupero psico-motorio;
  • recupero scolastico;
  • recupero sociale.

Il recupero psico-motorio è preparatorio al recupero scolastico, in quanto, fornisce all’alunno gli strumenti adeguati e sufficienti per un inserimento scolastico che non crei crisi di rigetto e di rifiuto da parte della Società Scolastica.

Il progetto prende tempi limitati, in quanto, la continuità per l’inserimento e l’integrazione socio-culturale dell’alunno portatore di Handicap deve essere prevista costantemente, prevede incontri di verifica con il GIO sui risultati raggiunti e sulla ricerca di nuove strategie per favorire il progetto d’integrazione.

Infatti nell’Istituto opera in modo assiduo il GIO sia nella sua completezza di componenti sia nella forma ristretta, come da calendario. Nello specifico il gruppo ristretto del GIO si riunisce  per discutere ed affrontare la problematica di ciascun alunno in difficoltà. Esso attiva tutte le operazioni per rendere più efficace l’inserimento degli alunni nelle rispettive classi e dà indicazioni per orientare gli stessi a sviluppare in modo ottimale le proprie potenzialità.